Regolamento acquisti sotto soglia

 CAPO I
Principi Fondamentali

Artico 1
Premessa

L’ Azienda del Cittadino Multiservice srl (di seguito, Società o ADCM) è una società a totale capitale pubblico, partecipata interamente dal Comune di Giffoni Valle Piana. La stessa, pertanto è assoggettata alla disciplina pubblicistica in materia di appalto lavori e di acquisto di forniture, beni e servizi, ai sensi del D. Lgs 50/2016 e successive modifiche ed integrazioni.
 
Articolo 2
Oggetto

Il presente Regolamento disciplina, in conformità all’articolo 36 D.Lgs. 50/2016, alle relative Linee guida adottate dall’ANAC ed al successivo art. 63 del citato D.Lgs , le procedure da seguire per le acquisizioni di beni, servizi e lavori, nonché i relativi contratti, contemperando i principi di trasparenza e concorrenzialità dell’azione amministrativa con quelli di semplificazione e snellimento delle procedure.

Artico 3
Principi generali

Le acquisizioni disciplinate dal presente Regolamento sono ammesse per i negozi di valore economico inferiore agli importi espressamente fissati dal legislatore all’art. 35 del D.Lgs. n. 50/20016 con la determinazione delle soglie di rilevanza comunitaria.
Il valore economico delle acquisizioni viene desunto dall’importo totale pagabile per la prestazione richiesta, al netto dell’IVA, così come stimato sulla base di attività analoghe già effettuate o di informali indagini economiche di mercato o di listini/elenchi prezzi. Nel calcolo si tiene conto dell’importo massimo stimato, ivi compresa qualsiasi forma di opzione o rinnovo del contratto ( art. 35 c. 4).
Nessun intervento di importo superiore ai limiti previsti dal Codice potrà essere frazionato artificiosamente, al fine di ricondurne l’esecuzione alle regole ed ai limiti di valore del presente Regolamento o di sottrarsi al ricorso a procedure di evidenza pubblica.
Il ricorso alle procedure semplificate per l’individuazione del contraente è utilizzabile solo in riferimento alle fattispecie individuate negli articoli successivi e con le modalità ed i limiti ivi stabiliti.
La verifica della congruità dell’impegno di spesa in economia viene effettuata dall’ Amministratore Unico, specificamente individuato come RUP, nel rispetto dei limiti definiti nel presente Regolamento.
Nell’adozione degli atti concernenti le spese secondo procedura semplificata, si debbono, comunque, salvaguardare ed osservare i seguenti principi dettati dall’art. 30 del Codice :

  • economicità, in ragione dell’uso ottimale delle risorse da impiegare nello svolgimento della selezione, per il perseguimento del miglior rapporto possibile fra qualità-prezzo dei lavori, dei beni o servizi;
  • efficacia, in ragione della verifica di congruità dei propri atti rispetto al conseguimento dello scopo cui sono preordinati;
  • tempestività, in ragione dell’esigenza di non dilatare la durata del procedimento di selezione del contraente;
  • correttezza, in ragione del rispetto dei principi di buona fede, lealtà, dovere di informazione;
  • libera concorrenza, in ragione dell’effettiva contendibilità da parte dei soggetti potenzialmente interessati;
  • non discriminazione e parità di trattamento, nei confronti degli operatori, potenziali contraenti;
  • adeguata trasparenza e pubblicità nelle procedure formali o informali;
  • proporzionalità, in ragione dell’adeguatezza e della idoneità dell’azione rispetto alle finalità ed all’importo dell’affidamento.

CAPO II
           Modalità di affidamento

Artico 4
            Tipologie di affidamento

Le tipologie di affidamento disciplinate dal presente Regolamento sono:

Amministrazione diretta: le acquisizioni sono effettuate con materiali e mezzi propri o appositamente acquistati o noleggiati e con personale proprio della staziona appaltante, o eventualmente assunto per l’occasione, sotto la direzione del responsabile del procedimento. Il limite di importo massimo per tale tipologia di approvvigionamento è di euro 40.000,00 oltre iva.

Affidamento diretto : per l’appalto dei lavori e per l’acquisto di forniture, di beni e servizi di importo inferiore ad euro 40.000,00, si può procedere, anche ai sensi dell’art. 36, comma 2, lettera “a”, con affidamento diretto, come meglio disciplinato all’articolo 5 che segue.

Procedura negoziata senza previa pubblicazione di bando :

  1. Per l’acquisizione dei beni, e dei servizi di importo superiore ad euro 40.000,00 ed inferiore ad euro 209.000,00, nonché per l’affidamento di appalto di lavori di importo superiore ed auro 40.000,00, ed inferiore ad euro 150.000,00 è esperibile procedura negoziata senza previa pubblicazione di bando, ma con preventiva consultazione di almeno cinque operatori economici, ove esistenti.
  2. Per l’affidamento di appalto di lavori di manutenzione ordinaria di importo superiore ad euro 000,00 ed inferiore ad euro 1.000.000,00 è esperibile procedura negoziata senza previa pubblicazione di bando, ma con preventiva consultazione di almeno dieci operatori economici, ove esistenti.
  3. Per l’affidamento di appalto di lavori di manutenzione straordinaria, e comunque per tutte le tipologie di lavori non appartenenti alla manutenzione ordinaria, di importo superiore ad euro 150.000,00 ed inferiore ad euro 1.000.000,00 è esperibile procedura negoziata senza previa pubblicazione di bando, ma con preventiva consultazione di almeno dieci operatori economici, ove esistenti.

Il tutto, secondo la specifica disciplina procedurale disciplinata dall’art. 8, che segue.

CAPO III
Strumenti Operativi

Articolo 5
Albo Fornitori e indagini di mercato

La Società sarà dotata di Albo Fornitori, attraverso il quale individuare gli operatori economici da consultare per le procedure di cui al presente Regolamento, osservando i principi di trasparenza, rotazione e parità di trattamento.
L’iscrizione all’Albo non è, in ogni caso, condizione esclusiva per la partecipazione alle procedure di acquisto in economia, cui possono essere interessate anche gli operatori semplicemente iscritti al MEPA.
Nelle more della costituzione dell’Albo Fornitori di cui all’articolo che precede, e comunque in caso di insussistenza della categoria merceologica di interesse nell’ambito del predetto Albo, gli operatori da invitare alla procedura saranno scelti secondo indagini di mercato, che vengono svolte ai sensi delle Linee guida n. 4 del 26.10.2016 adottate dall’ANAC in tema di “Procedure per l’affidamento dei contratti pubblici di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, indagini di mercato e formazione e gestione degli elenchi di operatori economici” mediante pubblicazione sul profilo committente – nella Sezione “Amministrazione trasparente”, nella sotto-sezione “Bandi di gara e contratti” e nella Sezione generale “Gare e appalti”, di un avviso che indichi: il valore dell’iniziativa; gli elementi essenziali del contratto; i requisiti di idoneità professionale; le capacità tecniche e professionali richieste; il numero minimo ed eventualmente il numero massimo degli operatori che saranno invitati; i criteri di selezione degli operatori economici e le modalità di contatto con la Stazione appaltante.
Ai sensi delle citate Linee guida dell’Anac, la fase dell’indagine di mercato, promossa, secondo le modalità procedurali innanzi indicate, è preordinata a conoscere l’assetto del mercato di riferimento, i potenziali concorrenti, gli operatori interessati, le relative caratteristiche soggettive, le soluzioni tecniche disponibili, le condizioni economiche. L’indagine di mercato serve a verificare l’esistenza sul mercato di imprese potenziali contraenti ed interessate ad effettuare la prestazione richiesta.
Essa viene svolta previa pubblicazione sul sito internet della Società di un avviso nel quale vengono individuati:

  • l’oggetto della prestazione, le relative caratteristiche tecniche e il suo importo massimo previsto, con esclusione dell’IVA;
  • l’indicazione del termine per l’esecuzione della prestazione;
  • il criterio di aggiudicazione prescelto;
  • i requisiti soggettivi richiesti all’operatore economico e la richiesta allo stesso di rendere apposita dichiarazione in merito al possesso dei requisiti soggettivi richiesti;
  • il termine entro cui richiedere di essere invitati (il termine varia da un minimo di 15 giorni ad un massimo di 30 giorni);
  • la richiesta di indicare i recapiti (fax/indirizzo/P.E.C., etc.) ai quali ricevere tutte le comunicazioni relative alla procedura selettiva.

Vengono ammessi alla successiva fase della consultazione solo gli operatori economici in possesso dei requisiti soggettivi richiesti e che abbiano presentato l’istanza entro il termine previsto dall’avviso. Le istanze di partecipazione vengono esaminate, in seduta riservata, da una apposita Commissione di valutazione.
I nominativi degli operatori ammessi alla selezione vengono pubblicati sul sito istituzionale della Società, senza necessità di singole comunicazioni ai soggetti interessati. Esclusivamente al soggetto aggiudicatario verrà inviata, una comunicazione con il termine assegnato per la sottoscrizione del contratto.
Qualora, entro il termine previsto, nessun operatore economico abbia richiesto di essere invitato ovvero per ragioni di urgenza, debitamente motivata, e non ascrivibili alla ADCM, non si abbia il tempo di dare luogo alla pubblicazione dell’avviso e di attenderne la scadenza del termine prescritto, il Responsabile del Procedimento può individuare i soggetti da consultare attraverso il ricorso al MEPA, secondo le relative procedure.

Articolo 6
Mercato Elettronico (MEPA)

Il RUP, in alternativa alle procedure ordinarie di scelta del contraente, come appresso specificate, e salvo gli obblighi connessi alle centrali di committenza di cui al paragrafo che segue, ha facoltà di accesso al Mercato Elettronico, se del caso, anche in via comparativa rispetto alle risultanze delle predette procedure ordinarie.

Articolo 7
Centrali di Committenza

Relativamente alle procedure di cui alle tipologie previste dall’art. 4 punti a) e b) del presente Regolamento, l’art. 37, comma 2, del Codice subordina il procedimento “ordinario” di scelta del contraente, al preventivo utilizzo autonomo degli strumenti telematici di negoziazione messi a disposizione dalle centrali di committenza, qualificate secondo la normativa vigente su base regionale – e dunque per la Regione Campania, SORESA – ed all’accertata indisponibilità di tali strumenti, anche in relazione alle singole categorie merceologiche.

CAPO IV
Selezione dell’operatore

Articolo 8
Affidamento diretto senza comparazione di preventivi

Il Responsabile Unico del Procedimento, quando può prescindere dalla richiesta di una pluralità di offerte, ricorre all’affidamento diretto ad un unico operatore (pur restando comunque fermo l’obbligo di richiederne preliminarmente il preventivo/offerta) per valutarne la convenienza e la congruità rispetto all’importo stimato dalla Stazione appaltante ed alle vigenti condizioni di mercato. Il prezzo e le condizioni offerti possono anche essere oggetto di ulteriore negoziazione tra le parti.
Detto preventivo, una volta definito ed accettato, verrà acquisito e costituirà parte integrante del rapporto contrattuale.
A seconda della tipologia e dei contenuti della prestazione richiesta, il RUP potrà ricorrere per l’affidamento diretto:

  • ad operatore abituale, solo in caso di conclamata necessità e/o di conclamata impossibilità di procedere, secondo le ipotesi che seguono;
  • ad operatore iscritto per la categoria corrispondente nell’Albo dei Fornitori (secondo il principio della rotazione);
  • ad operatore reperito sul MEPA, seguendo le relative procedure (Rdo ovvero OD).

L’affidamento diretto secondo il presente paragrafo è sempre consentito, anche in assenza di specifica motivazione dell’A.U. nella relativa determina d’acquisito, per gli acquisiti di importo inferiore ad euro 4.000,00. In tale ipotesi, la prescritta motivazione rafforzata in ordine alla individuazione specifica dell’operatore economico prescelto, sarà effettuata dal RUP.

Articolo 9
Affidamento diretto previa comparazione di (almeno) tre preventivi

Il Responsabile Unico del Procedimento, per gli acquisti di importo superiore ad euro 4.000,00, e fino all’importo di euro 40.000,00, procede all’acquisto previa comparazione di almeno tre preventivi di spesa, avendo cura di individuare quello più vantaggioso per la Società, se del caso, anche mediante il ricorso a criteri concorrenti al solo prezzo più basso (es. tempi di consegna, eventuale manutenzione, garanzie pluriennali).
Tanto non determina l’applicazione alla procedura di affidamento diretto delle formalità previste per la procedura negoziata, di cui al paragrafo che segue.

Articolo 10
Affidamento diretto “ sopra soglia”

Si può ricorrere all’affidamento diretto anche indipendentemente dal valore della acquisizione nei casi regolamentati dall’art. 63 del Codice. Ricorrendo le relative ipotesi normative, il RUP procede, in relazione alla tipologia delle fornitura dei beni e servizi oggetto di acquisizione, ed in relazione alle singole ipotesi declinate dalla norma sopra citata, ove possibile previa acquisizione di tre preventivi di spesa.
La formalizzazione dell’acquisizione di beni e servizi di importo inferiore ad euro 40.000,00 può avvenire, ai sensi del comma 14 dell’art. 32 del Codice mediante:

  1. scrittura privata contrattuale quando la fornitura è ad esecuzione periodica o continuativa;
  2. ordinativo (effettuato anche tramite OD sul MEPA se l’operatore è reperito con tale strumento) , quando la fornitura è ad esecuzione immediata.

La formalizzazione dell’affidamento di lavori può avvenire mediante:

  1. accettazione del preventivo;
  2. lettera di conferimento;
  3. scrittura privata contrattuale.

In ogni caso, indipendentemente dalle modalità di formalizzazione, gli atti di acquisizione di beni, servizi e lavori, devono contenere le apposite clausole di tracciabilità previste dalla L. n. 136/2010 e ss.mm.ii.

Articolo 11
Procedura negoziata senza previa pubblicazione di bando

Il Responsabile Unico del Procedimento procede, come segue:

1) Fornitura di beni e servizi di importo ricompreso fra euro 40.000,00 ed euro 209.000,00:

  • preventiva verifica di insussistenza di alcuna Convenzione Consip utilizzabile;
  • preventiva acquisizione dell’accertata indisponibilità presso gli strumenti telematici di negoziazione messi a disposizione dalle centrali di committenza qualificate (SORESA) anche in relazione alle singole categorie merceologiche;
  • invio lettera di invito, con predisposizione di disciplinare e capitolato d’oneri ad almeno cinque operatori economici. IL RUP, in assenza di specifica previsione da parte dell’Amministratore Unico, sceglierà il numero effettivo degli operatori da invitare in ragione del valore del contratto, da valutare sulla base di parametri non solo economici
  • espletamento della procedura di selezione secondo la disciplina di gara;
  • proposta di aggiudica a firma del RUP all’esito dell’espletamento della procedura;
  • determina di Aggiudica a firma dell’Amministratore Unico.

La scansione della tempistica degli atti che precedono e la valutazione dei profili sostanziali degli stessi sono regolamentati dall’art. 32 del Codice.

2) Appalto lavori di importo superiore ad euro 40.000,00 ed inferiore ad euro 150.000,00, ed inferiore ad euro 1.000.000,00:

  • invio lettera di invito, con disciplinare e capitolato d’oneri ad almeno cinque operatori economici. Il RUP, in assenza di specifica previsione da parte dell’Amministratore Unico, fermo il numero minimo innanzi indicato, sceglierà il numero effettivo degli operatori da invitare in ragione del valore del contratto, da valutare sulla base di parametri non solo economici;
  • espletamento della procedura di selezione secondo la disciplina di gara;
  • proposta di Aggiudica a firma del RUP all’esito dell’espletamento della procedura;
  • determina di Aggiudica a firma dell’Amministratore Unico.

La scansione della tempistica degli atti che precedono e la valutazione dei profili sostanziali degli stessi sono regolamentati dall’art. 32 del Codice.

3) Appalto lavori di manutenzione ordinaria di importo superiore ad euro 150.000,00 ed inferiore ad euro 1.000.000,00:

  • preventiva acquisizione dell’accertata indisponibilità presso gli strumenti telematici di negoziazione messi a disposizione dalle centrali di committenza qualificate (SORESA) anche in relazione alla determinate categorie di lavori di manutenzione ordinaria;
  • invio lettera di invito, con predisposizione di disciplinare e capitolato d’oneri, ad almeno dieci operatori economici. Il RUP, in assenza di specifica previsione da parte dell’Amministratore Unico, fermo il numero minimo innanzi indicato, sceglierà il numero effettivo degli operatori da invitare in ragione del valore del contratto, da valutare sulla base di parametri non solo economici;
  • espletamento della procedura di selezione secondo la disciplina di gara;
  • proposta di aggiudica a firma del RUP all’esito dell’espletamento della procedura;
  • determina di Aggiudica a firma dell’Amministratore Unico.

La scansione della tempistica degli atti che precedono e la valutazione dei profili sostanziali degli stessi sono regolamentati dall’art. 32 del Codice.

4) Appalto lavori di manutenzione straordinaria, e comunque per tutte le tipologie di lavori non appartenenti alla manutenzione ordinaria di importo superiore ad euro 150.000,00 ed inferiore ad euro 1.000.000,00:

  • invio lettera di invito, con predisposizione di disciplinare e capitolato d’oneri, ad almeno dieci operatori economici. Il RUP, in assenza di specifica previsione da parte dell’Amministratore Unico, fermo il numero minimo innanzi indicato, sceglierà il numero effettivo degli operatori da invitare in ragione del valore del contratto, da valutare sulla base di parametri non solo economici;
  • espletamento della procedura di selezione secondo la disciplina di gara;
  • proposta di aggiudica a firma del RUP all’esito dell’espletamento della procedura;
  • determina di aggiudica a firma dell’Amministratore Unico.

La scansione della tempistica degli atti che precedono e la valutazione dei profili sostanziali degli stessi sono regolamentati dall’art. 32 del Codice.

CAPO V
Norme comuni relative alle procedure negoziate

 Articolo 12
  Lettera d’invito

La lettera d’invito, che deve avere almeno il contenuto minimo previsto nell’allegato format, viene inviata ai soggetti individuati secondo quanto precisato ai paragrafi precedenti.
Essa viene sottoscritta dal Responsabile del Procedimento ed è inviata, a mezzo pec o a mezzo racc. a/r, esclusivamente ai punti di contatto appositamente indicati dagli operatori in sede di domanda di iscrizione all’Albo o in sede di adesione all’indagine di mercato, ove espletata.
Il termine fissato per la presentazione dell’offerta va da un minimo di 15 ad un massimo di 30 giorni dal ricevimento della lettera, a seconda del valore, della complessità e dei contenuti della prestazione richiesta. Nella lettera di invito può essere inserita la clausola per cui la richiesta di preventivo– offerta non impegna le società richiedenti ovvero la società si riserva di affidare anche in presenza di una sola offerta valida.

Articolo 13
Valutazione delle offerte

Le offerte devono pervenire in plico chiuso, nel termine e con le modalità, formali e sostanziali, prescritti dalla lettera invito.
Ove sia stato prescelto il criterio del prezzo più basso, le operazioni di valutazione delle offerte si svolgono e si esauriscono – salvo ipotesi di anomalie per le quali si procede ai sensi dell’art. 97 del Codice – nella seduta pubblica indetta già con la lettera invito, nella quale viene effettuata l’apertura dei plichi ammessi, si verifica la completezza e la conformità della documentazione prescritta e risulterà aggiudicatario l’operatore economico che abbia offerto il prezzo più conveniente.
Le operazioni saranno effettuate dal medesimo RUP, salvo espressa previsione di commissione di gara, come da relativa determina dell’A.U..
Il RUP, verificata la sussistenza dei requisiti richiesti, ed individuato il minor prezzo – previa valutazione – se del caso – di offerte anomale, e previo espletamento della relativa sub procedura dettata dall’art. 97 del Codice, formula proposta di aggiudica da produrre all’A.U..
L’amministratore Unico, se concorde, procederà all’aggiudica della procedura (la cui efficacia è subordinata alle condizioni di cui all’art. 32, comma 7, del Codice, salvo le deroghe di cui al successivo comma 8) conferendo mandato al RUP di addivenire alla formalizzazione degli atti contrattuali.
Ove sia stato prescelto il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo con valutazione di offerte tecniche, alla fase pubblica della valutazione della documentazione prodotta seguono successive sedute riservate, nelle quali vengono esaminate e valutate le offerte tecniche elaborate dagli operatori ammessi a detta fase. All’esito della verifica, viene comunicato ai concorrenti, via fax, P.E.C. ovvero raccomandata A.R., la ammissione/esclusione conseguente all’esame dell’offerta tecnica, nonché la data della nuova seduta pubblica in cui, assegnati i punteggi relativi al prezzo ed all’offerta tecnica, si procede alla individuazione della migliore offerta secondo valutazione che comprenda oltre il prezzo, gli altri elementi che a tal fine siano stati espressamente indicati nella lettera di invito. Successivamente, il RUP, preso atto delle determinazioni della commissione formalizzerà all’A.U. proposta di aggiudica. L’amministratore Unico, se concorde, procederà all’aggiudica della procedura (la cui efficacia è subordinata alle condizioni di cui all’art. 32, comma 7, del Codice, salvo le deroghe di cui al successivo comma 8) conferendo mandato al RUP di addivenire alla formalizzazione degli atti contrattuali.
Si precisa che in caso di procedura secondo il sistema dell’offerta economicamente più vantaggiosa, le operazioni di gara sono effettuate da una Commissione, da nominarsi al termine di scadenza per la presentazione delle offerte.
In ordine alla nomina della Commissione, si rinvia all’art. 77 del Codice.
Pertanto, per ciascuna gara, con scelta del contraente secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo, il presente Regolamento sarà integrato dalle singole determinazioni dell’A.U..
E’ facoltà dell’A.U. nominare una commissione anche in caso di procedura secondo il sistema del minor prezzo.

Articolo 14
Offerte anomale

Si rimanda all’art. 97 del Codice, ed alle relative procedure, in relazione alla tipologia del sistema di aggiudica prescelto.

Articolo 15
Stipula del contratto

In ordine al perfezionamento della procedura di aggiudica ed alla formalizzazione della volontà contrattuale, si rimanda all’art. 32 del Codice, commi da 8 a 13.
Per espressa previsione del comma 9, lettera “b”, della norma predetta, gli affidamenti effettuati ai sensi del presente Regolamento, in quanto “sotto soglia” non sono assoggettati al termine dilatorio dei 35 giorni dall’invio del provvedimento di aggiudicazione.
Ai sensi del comma 14 dell’art. 32 Codice, riguardando procedure negoziate, il contratto sarà stipulato con scrittura privata, e conterrà le clausole minime di cui al format allegato.
In ogni caso, il contratto dovrà contenere le apposite clausole di tracciabilità dei flussi finanziari, previste dalla L. n. 136/2010 e ss.mm.ii..
Contestualmente alla comunicazione di aggiudica, viene pubblicato sul sito della Società (www.aziendadelcittadinogvp.it) l’esito dell’affidamento.

Articolo 16
Contratto a consumo

Qualora non sia possibile predeterminare con sufficiente approssimazione la quantità delle forniture da ordinare nel corso di un determinato periodo di tempo non superiore, di regola, all’anno finanziario, possono richiedersi, a non meno di cinque operatori, preventivi di spesa od offerte di prezzi validi per il periodo di tempo previsto e procedere, fino all’esaurimento dell’importo massimo stabilito e man mano che il fabbisogno si verifichi, a singole ordinazioni all’operatore che ha formulato l’offerta più bassa o più conveniente.
Il contratto si intende esaurito al termine dell’arco di tempo stabilito per l’esecuzione dello stesso, indipendentemente dal valore raggiunto e le singole ordinazioni verranno di volta in volta liquidate, previa verifica della regolarità e conformità della prestazione.
Il rappresentante legale della società contraente, su specifica richiesta motivata del RUP e salvo che sia diversamente stabilito dal contratto, può prorogare la scadenza del contratto stesso per un periodo massimo di un quinto della durata iniziale e, comunque, per un importo non superiore ad un quinto del valore raggiunto dal contratto, alla scadenza naturale, e comunque di importo inferiore ad euro 209.000,00.

Articolo 17
Garanzie

A garanzia della regolare esecuzione dei contratti di acquisizione di beni e servizi di importo superiore ad € 40.000,00 e ad esecuzione periodica o continuativa, viene richiesta al contraente una garanzia secondo le condizioni ed i termini di cui all’art. 103 del Codice degli Appalti.
Resta salva la facoltà di richiedere tale garanzia anche per l’acquisizione di beni e servizi di importo inferiore ad € 40.000,00 (affidamento diretto), laddove la natura o le caratteristiche del contratto rendano opportuna la costituzione della medesima.

Articolo 18
Economato

Gli acquisti effettuati entro i limiti di € 999,00 saranno effettuati sulla base di apposito  Regolamento Economale.

Articolo 19
Rinvio alla normativa vigente

Per quanto non previsto dal presente Regolamento valgono le norme di legge vigenti ed in particolare quelle previste dal D.Lgs. 50/2016, nonché dalle predette Linee guida n. 4 del 26.10.2016 adottate dall’ANAC in tema di procedure per l’affidamento dei contratti pubblici di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, indagini di mercato e formazione e gestione degli elenchi di operatori economici. Per raggiungere gli obiettivi di contenimento e di razionalizzazione della spesa pubblica, fermo restando che non ne sussiste l’obbligo – salvo quanto previsto in tema di preventiva ricerca presso la Centrale di Committenza di cui all’art. 37 del Codice, e di cui all’art. 7 del presente Regolamento – la Società può decidere di ricorrere al MEPA per gli acquisti di beni e servizi di importo superiore ad € 40.000,00 e comunque inferiori alla soglia comunitaria ed ha l’obbligo di usufruire delle Convenzioni Consip, per le soglie previste dalla normativa in essere, laddove non rinvenga offerte maggiormente convenienti sul mercato.

CAPO VI
Entrata in vigore del Regolamento

Articolo 20
 Pubblicazione

Il presente Regolamento, approvato con delibera di assemblea del 12.04.2017  è pubblicato sul sito web aziendale ed entra in vigore il giorno successivo a quello di pubblicazione.

scarica il pdf del  Regolamento_acquisti_sotto_soglia